FotoRilieviDroni

di Davide Porro – Operatore SAPR – Istruttore Pilota APR

E’ bello e utile (e obbligatorio) fare la manutenzione del proprio APR

Una manutenzione periodica è alla base della sicurezza di ogni missione effettuata con gli APR, meglio conosciuti come Droni.

Non basta infatti uno sguardo superficiale a tutti i componenti per dire se va tutto bene ma, con cadenza programmata, è bene smontare in parte il proprio apr e ispezionare minuziosamente i cablaggi elettrici soprattutto nelle zone di sfregamento che potrebbero celare spelature o usure eccessive.

 

Ripercorrere con una lente tutti i cablaggi e controllare tutte le saldature è qualcosa che oltre a darci la soddisfazione di conoscere meglio il nostro strumento di lavoro ci mette al riparo, per quanto possibile, da eventuali incidenti o problemi possano verificarsi ad esempio in caso del distacco di un filo elettrico da una saldatura.

Naturalmente in quell’occasione vanno controllati tutti i serraggi delle viti che tengono insieme il telaio e, senza sforzare, vanno ripassate tutte controllando che non ce ne sia nessuna allentata o, peggio ancora, mancante.

A mio personale parere uscire in missione, pilotare, organizzare il lavoro del proprio APR risulta molto più gratificante se lo si conosce anche nei minimi particolare e si è quindi in grado di intervenire, o perlomeno di sapere di cosa si sta parlando, in caso di problemi elettrici, meccanici o di altra natura.

Per questo dico non abbiate timore a guardare, CON LE DOVUTE CAUTELE E DELICATEZZE, “com’è fatto dentro”; approfondite com’è assemblato, com’è strutturata la meccanica, come sono concepiti i settaggi elettronici della centralina volo (nel caso dell’APR della foto una Wookong M DJI), ecc…

Magari le prime volte chiedete aiuto ad un amico più esperto ma in seguito intervenire in prima persona sul vostro drone vi appagherà delle ore passate imparando, leggendo e approfondendo le specifiche e peculiarità del vostro mezzo.

Buon lavoro.

Davide Porro