FotoRilieviDroni

di Davide Porro – Operatore SAPR – Istruttore Pilota APR

Novembre, freddo fuori e riscaldamenti accesi… mappatura termica con Drone

Questo è il periodo ideale per eseguire un’ispezione con termocamera da drone rivolta ad individuare le perdite di calore e dispersioni energetiche che possono compromettere il buon riscaldamento della casa esponendoci a spese  eccessive per tenere un giusto comfort.

Ad esempio una canna fumaria non coibentata con i giusti accorgimenti disperde tutto il suo potenziale verso l’esterno mentre tutto quel calore potrebbe essere trattenuto e convogliato verso l’interno dell’ambiente. Un altro punto solitamente critico, e nel termogramma eseguito con un drone si vede bene, è la zona sottofinestra dove solitamente il muro si assottiglia per far posto al termosifone. Se guardate  anche questo è ben visibile. Con la termocamera da drone si ha la possibilità di eseguire velocemente inquadrature di insieme girando intorno alla casa e in punti difficilmente raggiungibili senza l’ausilio di un cestello o di una piattaforma. Il drone è ormai entrato a far parte degli strumenti di lavoro quotidiani e, come tempi e costi di intervento, è ormai competitivo rispetto ai tradizionali strumenti utilizzati per questo genere di lavori.

E’ possibile eseguire ispezioni di tetti (ricerca spifferi di aria calda o anomalie), facciate (distacchi di intonaco, umidità), infissi (posa in opera), ponti termici, cappotti… Con le immagini termiche radiometriche (sia qualitative che quantitative) fornite dal drone un professionista operatore termografico sarà in grado di fornire agli addetti ai lavori una mappatura termica della casa affinché si possa individuare, senza spechi e perdite di tempo, la miglior soluzione mirata per la posa dell’isolamento più adatto.

Rilievi eseguiti da Davide Porro – Pilota APR Mc VL/L CRO

FotoRilieviDroni – Operatore SAPR  Autorizzato